CARPATHIAN ADVENTURE 4°giorno

PLUZINE – SKOPIE km 439

Che giornata! Il Durmitor National Park è bellissimo! Colazione alle 8, perché prima non ce n’è, poi via verso Zabljak con una ripida salita dove ad ogni uscita dalle gallerie scavate nella roccia un nuovo sorprendente panorama si prospetta davanti agli occhi. E poi su, dai 600 m si sale sino ai 1900 m s.l.m. Lo spettacolo è assicurato, colline verdi e fiori campagnoli di tutti i colori, cieli azzurri, laghi azzurri, mucche e pecore al pascolo con i relativi pastori (con lo smartphone però, non più con la formaggetta in mano). E strade magnifiche in un continuo saliscendi, veramente indimenticabile. Ritornato alla civiltà, si fa per dire, in una strada normale a due corsie, ci si sente quasi spaesati, dopo qualche decina di chilometri ho preso un’altra stradina direzione Kolasin, da rifare, silenzio assoluto, traffico inesistente. Insomma, sino alla frontiera con il Kosovo, passando per Dacici, tutte stradine a volte impegnative perse nella campagna più isolata del Montenegro. Passata la frontiera dove sono stati gentilissimi, ho fatto l’assicurazione – 10 euro – perché la carta verde non copre il Kosovo, subito inizia una ripida discesa dai 1700 si scende ai 250 m s.l.m. Non è una meraviglia, cittadine una dopo l’altra, la gente sembra un po’ sempre la stessa degli altri paesi Balcanici, nelle ultime decine di chilometri prima della frontiera con la Macedonia stanno costruendo l’autostrada quindi un sacco di operai al lavoro, camion avanti e indietro, insomma, il traffico occidentale se lo sognano, ma si danno da fare! Alla frontiera gruppi di bambini a cercare soldi. L’arrivo a Skopje purtroppo sotto la pioggia, la città non sembra male. Trovato l’Hotel Orange Inn, 35 euro con colazione e garage per la moto. La sera ho mangiato un panino in un take-away davanti all’hotel. E a letto presto! Che giornata, quante belle cose viste, che giornata!

Powered by Wikiloc

Articoli recenti